Cerca una parola
negli articoli
  Puoi leggere tutta la nostra raccolta
di articoli anche in quest'altra pagina
Sulla stampa...
24/06/2018
Albinia – Grosseto 1-2
Finalissima Mini Passalacqua
ALBINIA: Villani, Ercolani, Giudici, Calussi, Mazzieri, Arienti, Mickaia Stagnaro, Vettori, Barbini, Antongini, Fusini (20' st Generosi). A disposizione: Erpichini, Canzonetti, Morini, Scotto, Mickael Stagnaro, Vaselli, Albertazzi. All. Pratesi.

GROSSETO: Bonucci, De Michele, Mema, Fantoni, D. Russo (1' st Troiano), Maiorana, Olandese, Lucattini, Rotondo (24' st Mascelloni), Valente, Aramini (7' st Angiolini). A disposizione: Nucciotti, Fantacci, Vescovo, Biserni. All. G. Russo.

ARBITRO: Giordano di Grosseto.
RETI: 3' Lucattini, 24' Vettori, 10' st Valente.
NOTE: ammoniti Calussi, Fantoni, Troiano. Calci d'angolo 3-1. Recupero: 1' + 2'.

GROSSETO – Il Grifone ha alzato al cielo la 6^ mini coppa Bruno Passalacqua. L'ultima salita di nome Albinia è stata piegata, termine quanto mai aderente alla realtà, per 1-2 al termine di un confronto veloce, dai ritmi alti, vigoroso e incertissimo. Una finale degna del torneo, una finale abbracciata da tantissimi spettatori. Il successo dei biancorossi è meritato anche se occorre un bilancino da orafo per poter verificare questa affermazione. Primo tempo di marca blu. Dopo il veloce (3') vantaggio del Grosseto con Lucattini, l'Albinia conquista la scena e il campo mettendo in difficoltà i ragazzini di Giacomo Russo costringendoli nella loro metà campo. Al 18' Bonucci devia sul palo un pallone difficile. L'insistenza dell'Albinia non lascia spazi di manovra al Grifone, il quale soffre non trovando spazi. Al 24' il premio a tanto lavoro si veste da diagonale di Vettori con Bonucci battuto. E' pareggio. La gara riparte senza molte differenze. Al 9' Barbini coglie il legno sfiorando il raddoppio. La spavento illumina il Grifone. Dall'area biancorossa parte un contropiede sulla fascia sinistra (10') tanto veloce che l'Albinia non riesce ad arginarlo. Tre passaggi, tre grida, terminale offensivo è Valente che con un tiro potente graffia la finalissima, 1-2. Azione tecnicamente perfetta, esteticamente da applausi. Il Grifone si rianima, l'Albinia perde qualche stabilità e sicurezza. Il resto della finalissima vede il Grosseto alla ricerca del gol sicurezza mentre l'Albinia insegue il pareggio. Tra occasioni sprecate, deviazioni dei portieri, bravura delle difese la sostanza non cambia. Vince il Grifone, non demerita l'Albinia.
g.m.
Letto 247 volte