Cerca una parola
negli articoli
  Puoi leggere tutta la nostra raccolta
di articoli anche in quest'altra pagina
Sulla stampa...
13/06/2018
Coppa Bruno Passalacqua, la finalissima: Molinari con una tripletta consegna la coppa ai suoi compagni. Gavorrano ko per il secondo anno consecutivo
CALCIO • COPPA PASSALACQUA •
Gavorrano – Grosseto: 3-4 (7’pt De Carolis; 9’pt e 39’st Pardera; 36’pt rig; 2’st rig e 19’st Molinari; 46’st rig scala)

Gavorrano: Cogno, Forni (dal 17’st Sabbatini), Pazzagli (C), Bianchi (dal 17’st Harea), Ferrante, Pizzuto, Ferrone, Pardera, Carlotti, Podestà (dal 39’st Scala), El Guerouani (dal 25’st Lafraitisse). A disposizione: Sabatini, Balloni, Rovai, Biagiotti, Baldi. All: Cacitti.

Grosseto: Mileo, Melfi, Polidori, Consonni, Formicola, Nicola Sabatini, De Carolis, Bicocchi, Molinari (C), Rosi, Corradi (dal 31’st Fagnoni). A disposizione: Alessandroni, Chelini, Lorini, Bulku, D’Ovidio, Ottaviani, Zarone, Tichem. All: Biliotti.

Recupero: 2'-4' + 1' Ammoniti: Forni, Ferrone (Ga); Mileo, Formicola, Sabatini, Bicocchi, Molinari (Gr) Angoli: 2-4

Grosseto. Si è chiusa definitivamente la 44^ edizione della coppa Bruno Passalacqua con il Grosseto che trionfa nella finale al termine di una partita dalle mille emozioni con il Gavorrano andato sotto 4-1 e capace di risalire la china fino al 4-3 al termine dei 90 minuti con però il grifone capace di tenere i nervi saldi e mantenere il gol del vantaggio.
Primo tempo dove le due squadre si sono affrontate a viso aperto fin dalle prime battute con il Gavorrano che ha sfiora il vantaggio immediatamente dopo appena 50 secondi quando Pardera al limite dell’area di rigore si è visto sbarrare la strada da Mileo, attento e puntuale in uscita bassa. La risposta del Grosseto non si è fatta attendere e al 7' trova il gol del vantaggio: batti e ribatti in area di rigore dei minerari con i rossoblù che non riescono ad allontanare la minaccia, la palla schizza sul secondo palo dove De Carolis non perdona con il mancino e fredda Cogno. Dura poco però il vantaggio biancorosso con il Gavorrano che solo al 9' trova il gol del pareggio: Pardera è superlativo sulla destra e va via in area di rigore (forse con l’ausilio di un braccio) a tre avversari, una volta giunto a tu per tu con Mileo poi è bravissimo a mantenere la calma e trovare il gol che riequilibra la partita. Primi 10 minuti di fuoco dunque in questa 44^ finale del Passalacqua con le migliori squadre della provincia che non si sono risparmiate. Al 15' è Podestà ad essere atterrato al limite da Formicola con il numero 10 lanciatissimo verso la porta, ci poteva stare anche qualcosa di più del singolo cartellino giallo con Podestà che si stava per presentare a tu per tu con Mileo; sul susseguente calcio di punizione però Carlotti non sfrutta e coglie la barriera in pieno. Al 36' arriva l’episodio che riporta nuovamente in vantaggio il Grosseto: De Carolis con una giocata da applausi lancia sulla corsa Polidori il quale serve in area sulla sinistra Molinari, il numero 9 punta Pazzagli che lo stende e si conquista il penalty; dagli 11 metri va lo stesso capitano biancorosso che trova il gol del 2-1 e il suo personale 10° centro nel torneo in 4 partite. Non riesce ad imbastire più occasioni interessanti il Gavorrano con il Grosseto che chiude in vantaggio il primo tempo nonostante per lunghi tratti il possesso sia stato in favore dei rossoblù.
La ripresa è senza storia: il Grosseto è cinico e colpisce al momento giusto con il solito Molinari. Dopo appena 2 minuti di gioco della seconda frazione il Grosseto si lancia in contropiede, Pizzuto è super e chiude perfettamente il primo tentativo, Molinari poi sopraggiunge sul pallone e sposta la sfera finendo a terra sul contatto con Pizzuto, l’arbitro indica nuovamente il dischetto con Molinari che nuovamente dagli 11 metri trova la personale doppietta. La reazione del Gavorrano è affidata a Podestà che dopo una piccola incomprensione fra Melfi e Formicola si invola verso la porta ma viene chiuso prontamente da Mileo in uscita. Al 19' cala definitivamente il sipario sulla partita con il Grosseto che trova il gol del 4-1 quando il bomber biancorosso Molinari controlla la sfera a trequarti ed esplode un sinistro violento verso la porta, Cogno sbaglia completamente l’intervento e la palla si infila in rete. Non riesce a costruire ed imbastire una reazione il Gavorrano con il Grosseto che chiude bene tutti gli spazi e argina bene le manovre offensive degli avversari. Il Grosseto sfiora addirittura la cinquina con Fagnoni che a tu per tu con Cogno trova la pronta respinta del portiere. Prova a rialzare nuovamente il sipario il Gavorrano che trova il del 2-4 con il solito Pardera, il giocatore più positivo dei minerari con un sinistro preciso ad incrociare sul palo lontano al 39'. Al 46' il Gavorrano addirittura trova il gol che riapre gli ultimi minuti della sfida quando Scala realizza un calcio di rigore molto generoso concesso dall’Arbitro. Mileo infine, a pochi istanti dalla fine, è reattivo e blocca l’ultimo tentativo di testa di Carlotti accartocciandosi su se stesso. Termina dunque in trionfo la partita per il Grosseto che si aggiudica anche la coppa Passalacqua dopo aver trionfato nel proprio campionato regionale. Tanto, tantissimo amaro in bocca per il Gavorrano che dopo un percorso netto ha perso le sicurezze proprio nel momento clou.

L'articolo su grossetosport.com


Roberto Balestracci
Letto 49 volte