Cerca una parola
negli articoli
  Puoi leggere tutta la nostra raccolta
di articoli anche in quest'altra pagina
Sulla stampa...
13/06/2018
Passalacqua, l’ora della finalissima
Alle 21.15 inizia l’atto conclusivo della 44ª edizione: sono di fronte Grosseto e Gavorrano

• GROSSETO

Grosseto e Gavorrano si contendono questa sera la 44esima Coppa Passalacqua. La finale, sulla carta una delle più pronosticate, si annuncia ricca di grandi spunti tecnici e spettacolari con due formazioni che si presentano con forti motivazioni visto l'esaltante cammino che le ha viste fin qui protagoniste.
Il Grosseto, a parte l'inutile sconfitta contro il San Donato nel girone a qualificazione già acquisita, ha superato nella fase a gruppi Orbetello (3-1), Monterotondo (2-1) e facendo man bassa nei quarti del Braccagni (6-0) e nella semifinale dell'Invicta (5-1); il Gavorrano, invece, a parte la gara d'esordio vinta di misura sul Braccagni (2-1) ha letteralmente dominato contro Fonteblanda (4-1), Marina (11-1) e nella fase ad eliminazione diretta, di Orbetello (6-1) e Nuova Grosseto (4-0). Non esistono precedenti nelle finali delle scorse edizioni della manifestazione ma le due squadre si sono affrontate due volte ed in entrambe ha prevalso il Grosseto sempre per 2-1 (2000 nel girone sul Monterosa, 2016 ai quarti sul Passalacqua).
Il fischio d’inizio è fissato, come di consueto, per le 21.15. Ecco la terna incaricata: l’arbitro è Alessio Serra, i collaboratori sono Raffaele Lampedusa e Gianluca Stella.
Anche il campo non cambia: è quello di via Australia. Sono trentuno, con quella di questa sera, le partite disputate: ventiquattro nella fase a gironi, per i quattro raggruppamenti in cui erano state divise le sedici squadre, quattro quarti di finale, due semifinali e appunto l’appuntamento conclusivo di questa sera.
Alcune curiosità colte spigolando nell'albo d'oro della Coppa Passalacqua: il Grosseto ha prevalso 11 volte (10 come Us - 1976, 77, 78, 88, 89 90, 91, 97, 98, 2002 - e una olta come Fc 2016) mentre il Gavorrano in tre edizioni (per la precisione quelle di 2011, 2012, 2014)
vedi l'articolo originale
Stefano Fabbroni
Letto 82 volte